Arbitro picchiata da genitore, daspo

Divieto di accesso a manifestazioni sportive per tre anni a carico del genitore che, al termine di una partita che vedeva tra i giocatori anche suo figlio, avrebbe colpito una giovane arbitro donna. La questura di Arezzo ha disposto il daspo per il 50enne, residente nel perugino, già denunciato per lesioni, per avere sferrato un calcio alla porta dello spogliatoio dell'arbitro, una 17enne di Città di Castello, colpendo la ragazza e procurandole lesioni guaribili in dieci giorni. L'episodio è accaduto al termine di una partita della categoria giovanissimi tra le squadre Junior Castello Calcio ed il Bastia 1924, ospitata dal campo di Monterchi, in provincia di Arezzo. A fermare l'uomo, furono i dirigenti della Junior Castello Calcio. Il conseguente intervento dei carabinieri ha portato alla denuncia per lesioni a carico dell'uomo. Ora arriva il divieto di accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive per tre anni.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Sarteano

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...