Sarteano

Famiglia morto Norcia, colpito a spalle

Colpito alle spalle, "e non di fronte", con un "violento pugno alla nuca (e non al volto)": sarebbe morto così Emanuele Tiberi, 29 anni, fuori da un locale di Norcia il 29 luglio. Secondo i familiari della vittima lo "hanno provato le indagini", sostengono in nota dei loro legali, gli avvocati Giovanni Ranalli, Francesco Cipriano e Andrea Andreini. Nei giorni scorsi era stato ipotizzato che tra Tiberi e Cristian Salvatori, 33 anni, accusato della sua morte, ci fosse stato una sorta di 'gioco'. Secondo la famiglia Tiberi, invece, un "testimone ha affermato che Emanuele non aveva ceduto alle provocazioni" dell'altro, ma, "anzi, lo aveva esortato a 'lasciarlo stare'". "Ha riferito - sostengono ancora i legali - che, stante l'insistenza di Salvatori, Emanuele si era allontanato. Tuttavia, veniva raggiunto alle spalle da Salvatori che gli sferrava un violentissimo colpo 'da dietro' e senza possibilità di difesa alcuna". Per i legali si tratta quindi "di una scellerata azione violenta con esiti fatali".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie